ALLARME CODICE ROSSO

 

Internet, allarme "Codice Rosso"
Il virus rischia di mettere ko la Rete

Il pericolosissimo virus "Codice Rosso" potrebbe colpire ancora Internet. Dopo aver infettato oltre 300 mila computer in tutto il mondo e messo in ginocchio il sito della Casa Bianca, esploderÓ di nuovo nella notte tra domani e il primo agosto. L'intera rete rischia di subirne un vero e proprio ko.
A dare l'allarme questa volta sono stati alcuni rappresentanti del governo statunitense ed esperti informatici.

 

"Code Red" Ŕ un baco, un programma che Ŕ in grado di diffondersi da un computer all'altro senza aver bisogno di infettare prima i file come fanno i virus. Lo scorso 19 luglio in nove ore ha conquistato 250.000 sistemi in tutto il mondo, lasciando una firma che attribuisce l'azione a presunti hacker cinesi. Poi li ha scatenati tutti quanti contro il sito della Casa Bianca, alla vigilia dell'apertura del G8 a Genova. I tecnici del governo si sono salvati dal ko spostando l'indirizzo web del sito in un altro punto della rete.

 

Ma il misterioso "Codice Rosso", di cui nessuno Ŕ ancora riuscito a scoprire l'origine, Ŕ tutt'altro che sconfitto. L' Nipc, l'agenzia anti-hacker dell'Fbi, ha lanciato l'allarme: il "worm" ricomparirÓ a partire dalle 8:00 di sera del 31 luglio ora di New York (le 2:00 del mattino del primo agosto in Italia) e con ogni probabilitÓ sarÓ mutato e pericolosissimo.

 

A rischio sono i sistemi che usano Windows NT e Windows 2000 e sono impostati sull'inglese come lingua principale. La societÓ di Bill Gates teme che, nonostante gli allarmi, pochi tecnici si siano presi la briga di correre ai ripari.

 

Lo scopo della nuova versione del virus sembrerebbe essere sempre la stessa, costringere i computer infettati a bombardare di richieste, in modo sincrono, i server che ospitano i siti degli enti governativi statunitensi, primo fra tutti quello della Casa Bianca.

 

LINK UTILI
- Symantec
- KasperskyLab
- Informazioni sul Worm "Codice Rosso"
- Il sito della Casa Bianca

 

GuestBook

Forum
Pagina realizzata da Fracassi Andrea